COACHING

Non si può insegnare nulla ad un uomo;
si può solo aiutarlo a trovare le risposte dentro di sé
Galileo Galilei

Significato del Coaching

Per comprendere il senso del coaching è possibile rifarsi alle parole di John Whitmore che lo definiva così: “Liberare le potenzialità di una persona perché riesca a portare al massimo il suo rendimento; aiutarla ad apprendere piuttosto che limitarsi ad impartirle insegnamenti” (2006).
Nell’accezione propria del termine, poi, il significato di coaching deriva dall’inglese “to coach”, “condurre”, ma al tempo stesso “coach”, “corriera/vettura/carrozza del treno”: il coachee (cliente) viene condotto da una stazione di partenza problematica (o quantomeno non pienamente soddisfacente) in un viaggio. Tale viaggio è basato su un piano d’azione che egli stesso elabora rapportandosi con il coach, per raggiungere una stazione d’arrivo rappresentata da un determinato obiettivo concreto.

Si può quindi riassumere così:

  • Il coaching è un percorso efficace finalizzato alla crescita a livello di sviluppo professionale e personale.
  • È un potente metodo di sviluppo per scoprire potenzialità, sviluppare l’eccellenza e gestire in maniera efficace fasi di cambiamento e desideri di miglioramento.

Ecco il vero significato di coaching, fondato su tre elementi caratterizzanti:

  • L’instaurarsi di una relazione facilitantetra il coach e il coachee (il cliente)
  • La consapevolezza e lo sviluppo delle potenzialità personali
  • La creazione di piani d’azione autodeterminatifinalizzati al raggiungimento di obiettivi concreti e specifici

Il viaggio intrapreso in ogni intervento, sia di life coaching che di business coaching efficace, sarà unico e irripetibile perché ogni persona è unica ed irripetibile, come d’altronde ogni relazione “alleanza di lavoro” tra coach e coachee.
Si tratta di un cammino personalizzato, misurato sulla base delle esigenze del coachee.

È possibile realizzare diversi tipi di sessioni di coaching: “in presenza” e “a distanza” (Skype), queste ultime rappresentano un’ottima opportunità soprattutto per i coachee che risiedono lontano da Milano o all’estero per trasferte/viaggi di lavoro e siano interessati, ad esempio, ad incontri di business coaching efficace.

Il coaching funziona? Quali risultati mi posso attendere?

Nella sezione Esperienze di Coaching ho cercato di dare risposta alla domanda attraverso le testimonianze dei miei coachee sull’esperienza del coaching. I protagonisti raccontano il loro “viaggio” di scoperta verso nuove consapevolezze e potenzialità.
Il coaching lavora sulla soggettività della persona in termini di obiettivi da raggiungere. Non obiettivi generici ma quelli prefissatisi dallo stesso coachee.
Non si indaga quindi nel profondo della persona, come avviene nella psicoterapia, ma si osserva un livello più “superficiale”, con focus sullo sviluppo delle potenzialità del cliente, individuate anche tramite le cosiddette “domande potenti del coaching”.

Ma quali risultati mi posso attendere? Si tratta naturalmente di un aspetto soggettivo.

Per trovare una definizione adatta, probabilmente potremmo definirli come il “futuro desiderato” che inevitabilmente dovrà essere diverso dal “presente percepito” dalla persona, in termini personali e/o professionali.

Il coaching non è …

Dopo aver chiarito il significato di coaching, è importante anche capire cosa NON è, poiché è facile fare confusione con ambiti e professionalità diverse.

Essenzialmente, il coaching non è:

  • Una terapia – perché l’obiettivo non è quello di guarire da disturbi psichici o patologie, campo di cui si occupa uno psicoterapeuta.

Quest’ultimo è tuttavia in grado di svolgere il ruolo di coach con una marcia in più, rappresentata dalla formazione e dalle competenze in campo psicologico e diagnostico.
Il coach potrà infatti effettuare un’iniziale valutazione complessiva del coachee, delle sue potenzialità, dei limiti e delle risorse a disposizione, e potrà misurare gli effetti che l’intervento dei diversi tipi di coaching può avere sul piano delle dinamiche intrapsichiche della persona.

  • Una consulenza – perché il coach non suggerisce soluzioni a problemi, ma stimola la ricerca di soluzioni ottimali.

Il consulente è una figura professionale a sé, come d’altra parte lo psicoterapeuta. L’attività del consulente, però, è naturalmente ben diversa sia dal coaching che dalla psicoterapia.
In particolare, il consulente è chiamato a dare un suo parere, fornendo risposte circa un settore o un tema specifico e ben definito. Il coach, al contrario, interviene ponendo delle domande (“domande potenti del coaching”) e analizzando quelle presentate dal coachee.

I tipi di coaching

Siamo arrivati alla sezione dedicata ai due tipi di coaching: life coaching e business coaching. Un percorso efficace a livello personale e/o professionale, per scoprire tutto ciò che fino ad oggi, senza saperlo, avete tenuto nascosto.

LIFE COACHING

La felicità non è fare tutto ciò che si vuole,
ma volere tutto ciò che si fa

Friedrich Nietzsche

Il Life coaching è un affascinante viaggio per la crescita personale, alla scoperta della nostra unicità e della possibilità concreta di diventare protagonisti del nostro futuro.

L’area nella quale si muove il Life coaching è l’autorealizzazione nella sfera del privato, vale a dire l’autoefficacia e l’autosviluppo in relazione a diversi ambiti della propria vita, gestendo le eventuali interferenze interne ed esterne, trasformandole.

Le persone interessate a questo tipo di approccio desiderano trasformare un sogno in un progetto concreto: un sogno che troppo spesso e troppo a lungo è rimasto chiuso nello scrigno dei buoni propositi; un sogno che non si aveva mai il tempo e il modo di realizzare.

Le più frequenti tematiche affrontate negli incontri di Life Coaching sono:

  • Gestione del cambiamento
  • Positività e benessere
  • Gestione delle emozioni
  • Conoscenza di sé
  • Coraggio e Autonomia
  • Gentilezza e Intelligenza sociale

BUSINESS COACHING

Se ho visto più lontano è perché
stavo sulle spalle di giganti

Isaac Newton

Il Business coaching si rivolge ai manager che vogliono migliorare le loro performance professionali.

L’ambito nel quale un business coaching efficace lavora e si propone come cambiamento risolutivo è quello organizzativo.

Tra i suoi fruitori troviamo persone altamente motivate a lavorare sulla propria persona con lo scopo di chiarire e consolidare la propria vision professionale grazie al supporto del coach. Questi li incentiva a scoprire le proprie risorse e a trovare le modalità più opportune per ottimizzarle, al fine di raggiungere i propri obiettivi di business.

Il coach elabora percorsi altamente personalizzati nei quali sollecita il coachee a esplorare il presente professionale e il futuro che vuole realizzare. Lo guida quindi nella definizione di piani di azione concreti, supportandolo nella gestione dello stress legato al superamento degli ostacoli che si frappongono tra il presente e il futuro desiderato.

Le competenze trattate sono tutte le competenze trasversali e manageriali finalizzate ad aumentare le performance professionali.

Le più frequenti tematiche affrontate nel Business Coaching sono:

  • Ascolto
  • Comunicazione assertiva
  • Decision Making
  • Flessibilità
  • Gestione dei collaboratori
  • Gestione dei conflitti
  • Gestione del tempo
  • Gestione dello stress
  • Leadership
  • Motivazione

CONTATTAMI

Inserisci i tuoi riferimenti e descrivimi la tua situazione/le tue motivazioni/gli obiettivi che vuoi raggiungere.
Ti risponderò quanto prima e insieme capiremo qual è il percorso migliore per te.