PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA

Stai attraversando un periodo difficile sul piano personale e professionale?

Ti senti depresso e ansioso?

Hai relazioni difficili e conflittuali con il tuo responsabile, con tuo figlio o con il partner?

Non riesci più a gestire la quotidianità e ti senti in “burnout“?

Hai cercato di risolvere da solo i problemi, ma senza successo?

Cerchi un supporto psicologico a Milano e a Parigi per la soluzione dei tuoi problemi
psicologici personali e interpersonali in tempi brevi?

 

La psicoterapia breve strategica può aiutarti a superare queste difficoltà senza impegnarti in un itinerario terapeutico lungo e costoso. Verrai coinvolto in un percorso mirato a raggiungere obiettivi specifici prestabiliti, anche attraverso esercizi da affrontare autonomamente, tra un incontro e l’altro.

Con la psicoterapia breve strategica è possibile produrre risultati in tempi rapidi volti al raggiungimento dell’obiettivo prefissato.

Psicoterapia breve strategica: un supporto psicologico a Milano e a Parigi rapido ed efficace

Voi siete gli artefici della vostra condizione passata, presente e futura. La felicità o la sofferenza dipendono dalla vostra mente e dalla vostra interpretazione

Budda Sakyamuni

La psicoterapia breve strategica si differenzia dai metodi di trattamento tradizionali perché permette di progettare interventi studiati appositamente per raggiungere obiettivi specifici, prefissati. In questo modo è possibile ristabilire l’equilibrio psichico del paziente in tempi più rapidi.

Il modello alla base della psicoterapia breve strategica è stato formulato da Paul Watzlawick e successivamente sviluppato da Giorgio Nardone negli anni Ottanta. Nel 1997 venne pubblicato il testo di riferimento che espone le basi teoriche e pratiche della nuova terapia, Brief Strategic Therapy, a firma di entrambi i ricercatori del Mental Research Institute di Palo Alto, in California.

Psicoterapia breve strategica a Milano e a Parigi: cos’è

Un aiuto concreto alla risoluzione di difficoltà psicologiche e al mantenimento del benessere è rappresentato dalla psicoterapia breve strategica. Ma cos’è esattamente? Una forma di psicoterapia centrata sul PRESENTE e sul FUTURO (piuttosto che sul passato) e sulle SOLUZIONI e il CAMBIAMENTO (piuttosto che sulle cause e i problemi).

L’assunto di base della psicoterapia breve strategica è che il cambiamento (la risoluzione di un problema) non dipende dalla conoscenza del perché il problema esiste. Non è quindi utile e necessario esaminare le sue “cause profonde” per affrontarlo e liberarsene in maniera durevole nel tempo.
Anche i problemi più complicati possono essere risolti in tempi brevi se si trova la chiave giusta.
Nella psicoterapia breve strategica l’attenzione del terapeuta è sul presente, su “come fare per risolvere il problema” e non sul “perché il paziente ha il problema”.

La terapia strategica breve, attraverso esercizi e compiti mirati si prefigge l’obiettivo di trovare soluzioni concrete alle difficoltà del paziente, di sostenerlo e accompagnarlo nel processo di cambiamento, perché ogni cambiamento è difficile, anche quello orientato al benessere.

Psicoterapia breve strategica a Milano e a Parigi: uno psicoterapeuta cosa fa

L’approccio teorico alla base della psicoterapia breve strategica si differenzia da quello dei trattamenti tradizionali per la sua concentrazione sull’hic et nunc del paziente, il suo “qui e ora”.

Lo psicoterapeuta cosa fa di diverso per riuscire a portare a termine la terapia in 10 o 20 incontri?

Lo psicoterapeuta in una terapia breve strategica considera il disagio del paziente come un equilibrio disfunzionale. Sulla base di questa prospettiva lavora per modificare la visione che il soggetto ha elaborato di sé e della realtà che lo circonda.

L’attenzione terapeutica è focalizzata su:
  1. come la persona e le persone intorno a lei hanno cercato e cercano di risolvere il problema, ovvero le tentate soluzioni che alimentano il problema;
  2. come è possibile cambiare tale situazione problematica nella maniera più rapida ed efficace, vale a dire le strategie, gli stratagemmi che possono produrre esperienze percettivo-reattive alternative.

Psicoterapia breve strategica a Milano e a Parigi: esercizi e assunti di base

  • Nella terapia strategica breve sono assegnati ESERCIZI, COMPITI, PRESCRIZIONI che il paziente è chiamato a svolgere tra una seduta e la successiva.
  • Un fattore essenziale per l’efficacia del trattamento è la PARTECIPAZIONE ATTIVA DEL SOGGETTO durante le sedute. Terapeuta e paziente collaborano al fine di mettere in movimento il cambiamento atteso.
  • In un percorso di psicoterapia strategica breve gli esercizi che il paziente si impegna a realizzare, tra una seduta e l’altra, lo aiutano a PRODURRE CAMBIAMENTI CHE DETERMINANO NUOVE ESPERIENZE. Tali esperienze percettive, nuove e correttive, condurranno a cambiare le precedenti disfunzionali disposizioni emotive, cognitive e comportamentali del paziente.
  • La psicoterapia breve strategica SI ADATTA “SU MISURA” A OGNI CASO, con esercizi mirati per risolvere la situazione di ogni paziente.

Una terapia centrata sul presente

Nella psicoterapia breve strategica l’attenzione è sulla situazione attuale, su come i problemi si manifestano nel presente.

Non è necessario investigare il passato, ma è molto più utile e efficace comprendere come il problema si mantiene nel presente perché è nel presente che si manifesta la sofferenza ed è sempre nel presente e nel contesto attuale di vita del paziente che si deve operare per risolvere il problema.

Una logica circolare

Nella psicoterapia breve strategica i problemi non sono considerati in termini di causalità lineare (una causa produce un effetto), ma sono affrontati in una logica circolare (una causa produce un effetto che a sua volta agisce sulla causa…).

I termini causa ed effetto sono dunque intercambiabili. La circolarità può essere vista in termini di circolo vizioso che mantiene il problema, permettendo di mantenersi in relativo equilibrio nonostante tutti i tentativi intrapresi dalla persona per liberarsene.

La psicoterapia strategica breve, attraverso la prescrizione di esercizi mirati da eseguire tra una seduta e la successiva, ha come scopo quello di rompere i circoli viziosi alimentati dal sistema al fine di creare nuovi equilibri (circoli virtuosi). Si tratta quindi di ridare fluidità ad un sistema che si era bloccato.

Un approccio paradossale

È con le intenzioni migliori che si producono gli effetti peggiori

Oscar Wilde

I tentativi del paziente di liberarsi del problema sono spesso controproducenti. Invece di eliminarlo, lo alimentano. Le tentate soluzioni disfunzionali diventano il problema.

Lo psicoterapeuta cosa fa per aiutare il paziente a uscire da questo paradosso? La direzione da prendere dovrà essa stessa essere paradossale o meglio contro-paradossale. In psicoterapia breve strategica il problema è la soluzione.

Una terapia sistemica

Un sistema è un insieme di elementi in interazione.
La psicoterapia breve strategica cerca di modificare le regole e i meccanismi d’interazione del sistema che partecipa al mantenimento del problema. Tutti gli elementi del sistema interagiscono e sono legati tra loro secondo il principio della causalità circolare.

La psicoterapia breve strategica ha come focus il sistema di relazioni del paziente. È nel sistema relazionale del paziente che il problema nasce e si alimenta.

Una terapia breve, rapida ed efficace

Scopo della psicoterapia breve strategica è curare la sofferenza nel modo più rapido possibile e con effetto duraturo nel tempo. Tale terapia permette di sbloccare situazioni e mettere in atto cambiamenti in tempi brevi, decisamente inferiori rispetto a quelli previsti dalle terapie classiche focalizzate sull’analisi del passato.

Il trattamento è di breve durata indipendentemente dalla gravità e anzianità del problema.
Il numero delle sedute (in genere non più di 20) e la frequenza (gli incontri avvengono con cadenza settimanale o quindicinale) si adatterà a ogni caso e situazione specifica al fine di garantire una cura rapida e risultati durevoli nel tempo.

CONTATTAMI

Inserisci i tuoi riferimenti e descrivimi la tua situazione/le tue motivazioni/gli obiettivi che vuoi raggiungere.
Ti risponderò quanto prima e insieme capiremo qual è il percorso migliore per te.