L’arte del cambiamento

 

Gestione del cambiamento – Metodi e principi

 

 

Gestione del cambiamento: come modificare comportamenti e pensieri disfunzionali? In questo articolo scoprirai come passare all’azione!

 

L’abitudine √® l’abitudine, e nessun uomo pu√≤ buttarla dalla finestra; se mai la si pu√≤ sospingere gi√Ļ per le scale, un gradino alla volta

Mark Twain

La nostra capacità di cambiare è alla base del nostro benessere.

Se qualche volta cambiare ci sembra semplice e naturale, spesso lo stesso cambiamento può essere difficile al punto da sembrarci impossibile.

Come fare allora per modificare comportamenti e pensieri disfunzionali e condurre con successo dei piccoli cambiamenti indispensabili al nostro benessere? E’ possibile agire e non pi√Ļ subire? Esistono delle regole, metodi e principi per condurre il cambiamento?

Per condurre efficacemente il cambiamento dobbiamo:

  • Identificare¬†il problema
  • Valutare e stimare¬†il nostro desiderio di cambiamento
  • Definire un obiettivo di cambiamento
  • Dotarsi degli strumenti per cambiare
  • e infine … Passare all’azione

 

Gestione del cambiamento РIdentificare il problema

 

Sei timido?

Per definire un obiettivo di cambiamento motivante non √® sufficiente dirsi “Vorrei essere meno timido”. Definire chiaramente il problema significa non accontentarsi di una formulazione generica.

Ad esempio:¬†se il sentimento √® “Sono troppo timido”¬†il problema ben definito potrebbe essere “Quando sono in un gruppo di persone e vorrei inserirmi nella loro conversazione mi sento in difficolt√† ad esprimere la mia opinione e di conseguenza incapace per essere rimasto in silenzio e disparte”

Definire chiaramente il problema significa altresì restare focalizzati sul presente e su se stessi invece che sugli altri.

I problemi sui quali puoi¬†agire sono quelli di oggi e non quelli di ieri e ricordati che √®¬†pi√Ļ facile cambiare se stessi che gli altri e che avrai¬†pi√Ļ possibilit√† di veder cambiare gli altri se cambierai i tuoi¬†comportamenti nei loro confronti.

Gestione del cambiamento – Valutare il desiderio di cambiamento

 

Una volta che hai preso coscienza di una situazione insoddisfacente e l’hai definita con precisione, √® bene porsi le seguenti domande:

Se non cambiassi niente?

Porsi tale domanda ti permette:

  • di mettere nero su bianco gli inconvenienti generati dall’attuale situazione rinforzando la tua¬†motivazione al cambiamento e ti aiuter√† nella formulazione di obiettivi pi√Ļ concreti
  • verificare se la situazione attuale presenta dei vantaggi ai quali potrebbe essere difficile rinunciare; meglio saperlo per tempo al fine di prevedere delle compensazioni adeguate

 

Se cambiassi cosa succederà?

Con questa domanda puoi fare chiarezza nelle tue aspettative. Il cambiamento comporta dei rischi e degli inconvenienti. Esaminare con attenzione vantaggi e svantaggi rinforzerà la tua motivazione e ti consentirà di individuare informazioni utili per definire gli obiettivi di cambiamento

Gestione del cambiamento – Definire chiaramente l’obiettivo¬†

 

Una volta consapevole delle tue¬†aspirazioni e motivazioni, sei¬†pronto a trasformare il problema in obiettivo. Per aiutarti a definire chiaramente l’obiettivo di cambiamento √® utile seguire delle semplici regole:

Sii preciso e concreto: sostituisci¬†“Essere meno timido” con “Unirmi ad un gruppo di colleghi senza attendere che siano loro ad invitarmi”

Esprimiti in termini positivi: pensa a comportamenti da agire piuttosto che a azioni da sopprimere ad esempio “Invitare i miei colleghi a prendere un aperitivo” piuttosto che “Non restare pi√Ļ nell’angolo”

Resta realista:  modera il  perfezionismo e fai affidamento  sui te stesso. Gli altri ti possono certamente aiutare, ma non cambieranno al posto tuo.

 

Gestione del cambiamento РDotarsi degli strumenti per cambiare 

 

  • Credi in te¬†stesso e nella tua capacit√† di cambiare
  • Pensa ai successi raggiunti nella tua¬†vita e ai cambiamenti gi√† adottati
  • Chiedi supporto/consigli se necessario

 

Gestione del cambiamento – Passare all’azione

 

Stabilisci delle piccole azioni progressive:¬†una gerarchia di passi che ti avvicineranno man mano all’obiettivo finale. Ogni sotto obiettivo raggiunto sar√† un traguardo che ti doner√† fiducia e voglia di proseguire

Ricompensati:¬†per diventare abitudini i nuovi comportamenti hanno bisogno di essere costantemente “rinforzati”.¬†La gratitudine e la gentilezza sono ricompense semplici e efficaci. Sii grato e gentile con te¬†stesso!

Misura i tuoi¬†progressi: procedendo per piccoli passi avrai¬†costantemente l’occasione di constatare un progresso, quindi fai un bilancio oggettivo di quanto raggiunto rispetto al punto di partenza. Anche se manca ancora del tempo prima dell’arrivo a destinazione, il cammino percorso merita di essere ricordato e tu meriti una ricompensa.

Il cambiamento è un viaggio. Non conta la misura dei passi che fate, ma il loro numero nella giusta direzione

Rinuncia alla perfezione e accetta i passi falsi:¬†la cosa importante √® esplorare nuovi comportamenti. Piuttosto che restare nell’immobilismo per la paura di sbagliare osa cambiare e ¬†congratulati per aver saputo accettare il rischio anche se i risultati non sono ancora quelli sperati.

Ogni errore √® un’opportunit√† di apprendimento e crescita

 

Desideri valorizzare le Tue potenzialità e ridisegnare la Tua vita?

Chance to change  è il workshop orientato alla crescita e al cambiamento pensato per te!