Depressione: definizione, sintomi, cura

 

Gestire la depressione Milano – Che cos’√® la depressione?

 

 

Nella mia pratica clinica a Milano molti pazienti mi chiedono come gestire la depressione.

In questo articolo, grazie alla mia esperienza come psicologa a Milano, ti spiegher√≤ cos’√® la depressione e come gestire la depressione a Milano, efficacemente.

La depressione √® una delle patologie pi√Ļ diffuse.

Si stima che 1 persona su 10 conoscerà la depressione nel corso della sua vita indipendentemente dalla sua età, situazione familiare e sociale, provenienza geografica, cultura.

La fascia di et√† compresa tra i 18-45 anni √® la pi√Ļ vulnerabile e le donne sono 2 volte pi√Ļ esposte rispetto agli uomini.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanit√† nel 2020 la depressione sar√† la prima causa di sofferenza nella donna e la seconda nell’uomo (subito dopo le patologie cardio-vascolari).

Depressione significa abbassamento del tono dell’umore, la persona si sente triste, senza voglia ne desiderio.

Attualmente la depressione si cura con buoni risultati nel 90% dei casi.

Una diagnosi precoce e un trattamento repentino, efficace e duraturo nel tempo sono i migliori predittori per una prognosi favorevole.

 

 

Gestire la depressione Milano – Come riconoscerla e quali sono i sintomi della depressione?

 

La depressione si caratterizza per la presenza (almeno 15 giorni) dei seguenti sintomi:

  • Tristezza generale e diffusa che si accompagna ad una perdita di interesse o piacere per la maggior parte delle cose. I pensieri sono negativi e si assiste ad una svalorizzazione della propria persona. Delle idee suicidarie sono presenti all’incirca nel 80% dei casi
  • Difficolt√† di attenzione, concentrazione e memoria
  • Alterazione fisica con una sensazione di fatica importante, un rallentamento nell’eloquio e nell’espressione gestuale
  • Riduzione delle ore di sonno, dell’appetito, dell’attivit√† sessuale
  • Rottura netta rispetto alle abitudini del passato

 

In funzione dell’intensit√† di questi sintomi si parla di depressione leggera, moderata o severa.

 

 

Gestire la depressione Milano – Quali sono le cause della depressione?

 

Diversi fattori possono essere implicati:

  • Genetici
  • Biologici
  • Psicologici
  • Ambientali (familiari o sociali)

 

Fattori genetici

Certe persone sonno maggiormente vulnerabili a causa di una predisposizione genetica

 

Fattori biologici

La depressione potrebbe essere causata da un livello insufficiente di noradrenalina, serotonina e/o altri neurotrasmettitori

 

Fattori psicologici

Eventi legati alla vita intima del soggetto possono lasciare¬†cicatrici affettive come ad esempio esperienze¬†dolorose durante l’infanzia (separazioni precoci dalla madre). Questi sentimenti possono essere riattivati in presenza di nuove esperienze emotive analoghe (lutti o separazioni)

 

Fattori ambientali (familiari e/o sociali)

Ci sono correlazioni tra gli avvenimenti di vita del soggetto e il suo funzionamento psicologico individuale. Un meccanismo primario di impotenza ad esempio pu√≤ generare dei comportamenti di inibizione che impediscono a loro volta un adattamento adeguato difronte agli eventi della vita. Studi recenti mostrano fenomeni di sensibilizzazione: dopo il primo episodio depressivo il soggetto √® di volta in volta¬†pi√Ļ vulnerabile ad eventi di vita sempre meno stressanti. Questo fenomeno √® alla base delle ricadute depressive

 

Come gestire la depressione Milano?

 

Come gestire la depressione a Milano?

Il trattamento elettivo della depressione a Milano consiste nella prescrizione  e assunzione di farmaci antidepressivi e in un percorso psicoterapeutico.

Circa il 70-80% dei pazienti migliora a seguito di un trattamento con antidepressivi.

Nei casi di depressione leggera, l’aiuto terapeutico e altrettanto importante che quello medico.

Il primo passo del trattamento è accettare di farsi curare.

Accettare significa:

  • Consultare un medico
  • Ascoltare i suoi consigli sia che si tratti di una cura attraverso farmaci che tramite aiuto psicoterapeutico
  • Essere sinceri e aperti nel comunicare tutte le sensazioni (effetti positivi e negativi) conseguenti il trattamento
  • Porre domande

 

E’¬†fondamentale costruire con il curante una collaborazione attiva e sincera che permetta di conoscervi in maniera pi√Ļ completa ed approfondita per¬†¬†aiutarvi meglio

 

 

Gestire la depressione Milano – Consigli pratici per agire sulla depressione

 

Di seguito 4 suggerimenti  per agire sui sintomi della depressione:

 

Condurre una vita “sana”

  • Praticare attivit√† fisica (fare una camminata a passo moderato per 15 minuti)
  • Alimentarsi in maniera equilibrata
  • Conservare un ritmo regolare nella giornata (ad esempio alzarsi e coricarsi alla stessa ora)
  • Limitare il consumo d’alcool
  • Curare e mantenere qualche contatto sociale

 

Gestire la depressione Milano – Agire sull’inibizione depressiva

E’ importante accettare lo stato di rallentamento generale, sia nell’azione che nella produzione di pensieri e parole. ¬†Accettare di fare piccole cose anche al 10-20% rispetto al passato.

Riprendere i ritmi di una volta è un processo lento e progressivo, ma poco alla volta la giornata si struttura

 

Raggiungere piccoli obiettivi

La ripresa delle azioni quotidiane seppur svolte con maggior lentezza, genera un pensiero meno negativo che aiuta a sentirsi meno inibiti e prostrati

 

Gestire la depressione Milano – Creare delle piccole tappe

Se l’inibizione all’azione persiste ¬†√® utile¬†creare delle tappe intermedie. Riprendere progressivamente delle attivit√† √® importante perch√© significa:

  • Aumentare la fiducia in se stessi
  • Accrescere il sentimento di controllo sugli eventi
  • Ridurre l’indecisione e i pensieri negativi
  • Aumentare la partecipazione alla vita familiare e affettiva

 

Depressione РIl lato creativo 

 

 

Senza crisi non ci sono sfide e senza sfide

la vita è una routine, una lenta agonia.

E’ dalla crisi che affiora il meglio di ciascuno.

 La creatività nasce dalle difficoltà

nello stesso modo in cui il giorno

nasce dalla notte oscura

Albert Einstein

 

 

Nel suo libro Riparto da me Ivana Castoldi illustra molte storie di donne che in maniera creativa hanno saputo trasformare una dolorosa esperienza di crisi in un processo di cambiamento davvero significativo.

Nel corso della nostra esistenza sperimentare tristezza, frustrazione, angoscia e persino disperazione ci rende individui completi, forti ed equilibrati.

Se intendiamo la depressione un malessere psicologico di tipo esistenziale cio√® correlato all‚Äôesperienza di vita degli individui, al loro temperamento e alla loro storia personale, una crisi depressiva potrebbe rivelarsi un‚Äôopportunit√† per una conoscenza pi√Ļ profonda della nostra vita interiore e dei meccanismi di funzionamento della nostra sfera affettiva; potrebbe promuovere le nostre risorse e la nostra autonomia personale.

E’ fondamentale non identificarsi con la depressione, ma pensare ad una fase transitoria e sforzarci di cambiare visuale. Perciò anche quando sembra che tutto sia perduto, senza speranza dobbiamo ispezionare meglio le pareti che ci imprigionano e trovare la breccia nel muro che possiamo allargare per uscirne.

 

E’ dalla nostra capacità di reazione che nasce la cura

 

Siamo portati a credere che la depressione annulli l’azione, il dinamismo, l’intraprendenza e la capacità di reagire. In molti casi può essere vero il contrario: è la depressione che può risvegliare l’istinto di sopravvivenza. Si tende a vivacchiare scontenti e rassegnati fino a quando, la classica goccia che fa traboccare il vaso, non si sprofonda nell’angoscia e nella disperazione.

Allora toccare il fondo può finalmente far scattare la molla della reazione e spingere al contrattacco.

 

Se questo articolo ti ha aiutato a fare chiarezza, ma senti di aver bisogno dell’aiuto di uno Psicologo a Milano per gestire la tua depressione compila il modulo¬†CONTATTAMI

Cerchi un bravo psicologo per gestire la depressione a Milano? Vuoi gestire la depressione a Milano, ma non sai a chi rivolgerti? La lettura di questo articolo potrà esserti di aiuto Scegliere lo psicologo