Che cos’è l’ascolto attivo?

 

In questo articolo il focus è sull’Ascolto attivo.

Perché è fondamentale in una relazione ascoltare l’Altro e quali sono i benefici più importanti che conseguono un ascolto autentico?

La comunicazione è spesso associata alla capacità di esprimersi o di presentare un’idea al proprio interlocutore. Dimentichiamo che comunicare funziona in entrambe le direzioni e che la capacità di ascoltare è una qualità primordiale per coloro che hanno un messaggio da trasmettere.

Nel complesso, ricordiamo meno della metà di ciò che ci viene detto. Da qui l’importanza di saper comunicare e ascoltare in modo efficace!

Ascolto attivo: cos’è?

 

L’ascolto attivo è una tecnica di comunicazione di tipo assertivo, basato sull’accettazione e l’empatia, utile non solo a promuovere la capacità di esprimere in modo corretto ed efficace le proprie emozioni o argomentazioni, ma anche a saper ascoltare e percepire le ragioni e i sentimenti degli altri, stabilendo quel contatto autentico che può diventare base per relazioni arricchenti ed efficaci.

Sviluppato dal lavoro di Carl Rogers, psicologo americano, l’ascolto attivo consiste nell’ascoltare l’altro con attenzione e in modo non direttivo, costruendo fiducia, rispetto ed empatia con l’interlocutore in modo che quest’ultimo possa esprimersi liberamente, senza paura di un giudizio affrettato e soprattutto senza pressioni.

L’ascolto attivo è una leva potente, utile per:

  • Gestire i conflitti
  • Sviluppare la leadership
  • Influenzare positivamente
  • Ispirare

Comunicare è soprattutto saper ascoltare

Se vuoi che le tue relazioni con gli altri siano serene, costruttive e produttive e per far brillare la tua leadership, non sarà sufficiente lasciare che le tue orecchie restino in giro e consegnare i tuoi messaggi senza assicurarsi che i tuoi interlocutori abbiano ascoltato e compreso il messaggio!

Dovrai imparare ad ascoltare con attenzione, e interesse autentico!

 

Ascolto attivo: come ascoltare attivamente?

 

Sapere come ascoltare significa essere in grado di focalizzare tutta la propria attenzione sull’altro per cogliere ogni frammento del messaggio trasmesso, sia verbale che non verbale. Usando i seguenti accorgimenti, sarai in grado di assicurare al tuo interlocutore che sei totalmente concentrato su di lui e che hai ascoltato il suo messaggio.

Crea un clima di fiducia

Focalizza la tua attenzione sull’interlocutore. Individua il suo stile di comunicazione e mettilo a suo agio adottando la sua stessa modalità di comunicazione.
Ad esempio, alcune persone hanno bisogno di pianificare un colloquio per tempo e desiderano uno stile formale, altri saranno più a loro agio durante una pausa caffè o pranzo. Allo stesso modo, alcune persone chiamate visive useranno – e capiranno – meglio un vocabolario che si riferisce alla vista “Vedo che è così …”, mentre un uditivo preferirebbe dire “sento che è così … “, un cinestesico “Ho toccato con mano che è così … “. Alcuni amano un linguaggio formale e ricercato, mentre altri preferiranno un linguaggio più comune. In buona sostanza il segreto per una buona comunicazione è adattarti allo stile comunicativo di chi è di fronte a te.

 

Modella la tua modalità di comunicazione su quella del tuo
interlocutore usando il suo stesso tipo di vocabolario
per metterlo a suo agio e stabilire fiducia reciproca

 

Sii disponibile

Per poter essere pienamente e autenticamente attento all’altro, non devi avere alcun pregiudizio su questa persona (dimentica che hai avuto un alterco con lui qualche settimana fa, che odi il modo in cui si veste, ecc.) e non aspettarti nulla da questo incontro. In effetti, la delusione e la frustrazione che potresti provare pregiudicherebbero il tuo ascolto durante il colloquio. Perderesti gradualmente il filo, concentrandoti sui tuoi sentimenti.

Mettiti nei panni del tuo interlocutore

Ignora le esperienze simili a quelle raccontate dal tuo interlocutore per non distorcere l’ascolto. Inevitabilmente, la tua visione delle cose sarebbe distorta: tutti reagiamo in modo diverso a seconda della nostra educazione, della nostra esperienza, dei nostri valori e delle nostre esperienze …

Ascolta oltre le parole

Decodifica il non verbale. Braccia incrociate, sguardo in fuga, gambe in movimento…

Questi sono tutti elementi che devi imparare a decodificare per sentire lo stato in cui si trova il tuo interlocutore, ma anche comprendere appieno il messaggio. che ti sta offrendo, con tutta la dimensione emotiva che lo accompagna.

Riformula

Rielabora il messaggio appena ascoltato con parole tue. Questo permette da un lato di assicurarsi la corretta comprensione di ciò che il tuo interlocutore ha detto e dall’altro di mostrargli di aver ascoltato e integrato il messaggio che ti ha dato trasmesso.

 

Ascolto attivo: riformulazione, una chiave importante per l’ascolto attivo

 

Riformulare la frase significa ripetere con parole tue ciò che hai sentito e che l’altra persona ti ha detto

L’obiettivo non è quello di ottenere maggiori dettagli dal tuo interlocutore, ma di verificare – e confermare – se quello che hai sentito sia ciò che ha realmente detto l’altro. A volte, semplicemente ascoltando qualcosa di diverso – o semplicemente dalla bocca di qualcun altro, il tuo interlocutore può avere una sorta di illuminazione guardando improvvisamente le cose da un’altra angolazione oltre che acquisire una maggiore consapevolezza del suo modo di comunicare ( con tutto ciò che implica …).

 

Ascolto attivo: impara a metterti da parte

 

Hai mai avuto il desiderio impellente di interrompere il tuo interlocutore per raccontargli un’esperienza simile che hai avuto?

Ti è mai successo di finire la frase del tuo interlocutore al suo posto?

O addirittura di fingere di ascoltare attraverso l’uso di “mmm”, “sì, certamente”, ecc. ?

Per ascoltare attentamente, devi essere pienamente disponibile all’altro

In realtà, pochissime persone sono naturalmente e veramente in grado di ascoltare. L’essere umano ama condividere le sue esperienze per mostrare all’altro che appartiene allo stesso circolo, che è il leader o che è degno di fiducia!

Ecco alcune insidie che dovrai evitare:

Giudicare, influenzare

Bisogna attenersi ai fatti e soprattutto non interpretare, né dirigere la discussione orientando il tuo interlocutore verso una direzione precisa. Chiunque ti parli porta con sé la soluzione al suo problema. Devi creare le giuste condizioni in modo da favorire la sua libera espressione.
Allo stesso modo, non dovrai emettere alcun giudizio. Mettiti nei panni del tuo interlocutore e cerca di percepire la situazione, non come TU la vedi, ma come lui la vede e la sente.

Mostrare impazienza

Interrompere il tuo interlocutore, sospirare ad alta voce, guardare l’orologio … Tutto questo limita la tua capacità di ascoltare in modo autentico e attento.

Distrarsi

Assicurati di essere completamente disponibile per il tuo interlocutore (spegni il telefono, devia le chiamate, metti il computer in standby, assicurati di non essere disturbato inaspettatamente, ecc.). Resta concentrato durante l’incontro.

Rimanere impassibili

L’altro deve sentire che stai ascoltando attentamente. Se non mostri alcun interesse, sentimento o emozione, l’altro penserà rapidamente che non ti interessa la sua comunicazione e metterà fine alla conversazione.

 

 

Ascolto attivo: quali sono le caratteristiche del buon ascoltatore?

 

L’ottimo ascoltatore …

  • Frequentemente di buon umore, con uno stato d’animo buono, spesso sorridente, capace di sdrammatizzare e di usare il senso dell’umorismo nelle situazioni difficili
  • Paziente, ovvero rispettoso dei tempi e dei ritmi altrui
  • Ha molta stima di se stesso, per questo non si concentra nello sforzo, spesso ridicolo, di attirare l’attenzione e non avverte la necessità di imporsi.
  • Stima gli altri
  • Possiede una grande apertura di cuore ed è per questo in grado di provare un interesse, non di facciata, ma vivo nei confronti degli altri

 

Ascolto attivo: 12 comportamenti tipici dei “non ascoltatori”

 

ORDINARE/ESIGERE

Nell’obbligare qualcuno a fare qualcosa si rischia di non tenere conto dei suoi sentimenti o di proporre comportamenti non adeguati a lui. Ricevere ordini può suscitare rabbia e ostilità.

Es. “Tu devi…”; “Bisogna che tu…”.

 

MINACCIARE

Davanti ad una minaccia l’altro può contrattaccare o può avere paura di perdere l’aiuto di cui ha bisogno e sottomettersi. La paura riduce la fiducia nella relazione e la motivazione ad affrontare e superare i problemi.

Es. “Se non fai così…”; “E’ meglio per te…, altrimenti…”.

 

FARE LA MORALE/PREDICARE

L’invito a seguire determinati obblighi, imponendo una morale, può produrre diminuzione dell’autostima e sensi di colpa.

Es. “Sai che è tuo dovere…”.

 

DARE SOLUZIONI GIA’ PRONTE

Fornire una soluzione ad un problema piuttosto che stimolare l’altro nella ricerca della propria soluzione, può comunicare all’altro che non si ha fiducia in lui. Questo rischia di portare alla dipendenza e alla sfiducia in se stessi e di non sviluppare la propria autonomia.

Es. “La cosa migliore da fare è…”; “Al tuo posto…”.

 

PERSUADERE ATTRAVERSO ARGOMENTAZIONI LOGICHE

Se nel valutare l’operato di una persona e nel dirle cosa fare non si tiene conto dei suoi sentimenti, può sentirsi offesa e umiliata.

Es. “Non è così…”; “E’ qui che sbagli…”; “Guarda in faccia la realtà…”.

 

GIUDICARE/DISAPPROVARE

Le critiche possono danneggiare molto l’immagine personale dell’altro.

Es. “Sei un pigro…”; “Non pensi da persona matura!”

 

FARE COMPLIMENTI IMMERITATAMENTE

I complimenti immeritati possono ferire la persona che può percepirli come falsi e rischiano di indebolire la sua autostima.

Es. “Sei il migliore!”; “Stai facendo un ottimo lavoro…”.

 

UMILIARE

Tutti i messaggi che umiliano e ridicolizzano la persona sono offensivi.

Es. “Ti stai comportando come un bambino piagnone…”.

 

INTERPRETARE/ANALIZZARE

Se la persona accetta la nostra spiegazione possiamo aiutarla a chiarirsi le idee, ma interpretare i comportamenti o i messaggi dell’altro può rischiare di metterlo sulla difensiva (se si interpreta correttamente) o di farlo sentire incompreso (se si sbaglia interpretazione).

Es. “Ti capisco bene perché…”; “Ti stai comportando così perché…”.

 

CONSOLARE/MINIMIZZARE

Si rischia di far sentire l’altro incompreso.

Es. “Non sei l’unico…”; “Non fare una tragedia…”.

 

SCHIVARE IL PROBLEMA E CAMBIARE ARGOMENTO

L’altro può pensare che per noi il suo problema non è importante e che non consideriamo i suoi sentimenti.

Es. “Adesso non è il momento!”.

 

INTERROGARE

Se la persona si sente sotto interrogatorio può percepirci come invadenti e tendere a chiudersi in sé.

Es. “Cosa hai fatto…?”.

Ascolto attivo: 20 ragioni per imparare ad ascoltare

 

  1. Apprendere qualcosa di nuovo
  2. Evitare conflitti
  3. Comprendere meglio
  4. Essere gentile
  5. Rispettare gli altri
  6. Fare domande intelligenti
  7. Individuare le esigenze altrui
  8. Conquistare la stima e la fiducia altrui
  9. Capire ed essere capiti
  10. Analizzare gli obiettivi dell’interlocutore
  11. Acquisire credibilità come ascoltatori
  12. Migliorare l’ autodisciplina
  13. Rafforzare i rapporti
  14. Risolvere i problemi
  15. Dimostrare interesse
  16. Soddisfare la curiosità
  17. Evitare situazioni imbarazzanti
  18. Risparmiare tempo
  19. Essere d’appoggio agli amici
  20. Incrementare la concentrazione

 

 

 

Condividi