Tristezza: un’emozione positiva

 

Tristezza: lungi dall’essere distruttiva come pensiamo, la tristezza è una delle sei emozioni primarie. Come tale, è essenziale per il nostro benessere.

Ti senti triste e fai di tutto per non lasciarti andare a questa emozione negativa?

Associamo spesso alla tristezza sensazioni di pena e dolore, disagio e frustrazione, tormento e malinconia e cerchiamo quanto prima e con ogni mezzo di sbarazzarcene e proteggerci.

Ma la tristezza è un’emozione che se compresa e ben gestita ci rivela molto di noi stessi, dei nostri bisogni e delle nostre attese.

Incominciai a capire che i dolori, le delusioni e la malinconia non sono fatti per renderci scontenti e toglierci valore e dignità, ma per maturarci 

Hermann Hesse

La tristezza – Che cos’è?

 

La tristezza è una delle sei emozioni di base o primarie insieme a gioia, sorpresa, paura, rabbia e disgusto.

In generale, si manifesta quando si sente una mancanza o un sentimento di privazione.

Il dolore di vedere scomparire una persona cara, il dolore di perdere un oggetto che ha un forte valore emotivo, la malinconia a seguito di una rottura … l’elenco è ovviamente lungi dall’essere esaustivo.

In effetti, la tristezza è un’emozione complessa e  assume forme diverse.

Le persone che non hanno fiducia in se stesse e che non sono abituate ad affermarsi, per esempio, possono sentirsi tristi quando sono arrabbiate. La loro tristezza simboleggia quindi la loro frustrazione, ma anche l’impotenza che provano di fronte a una situazione complicata.

Al contrario, le persone che non accettano la loro parte di vulnerabilità tendono a trasformare la loro tristezza in rabbia. Proiettando la loro insoddisfazione per il mondo esterno – può essere una persona o un oggetto – evitano di provare pienamente le proprie emozioni.

Se il più delle volte identifichi l’evento responsabile della tua tristezza, a volte capita che questa emozione ti afferri senza motivo apparente.

È quindi essenziale provare a capirlo. In effetti, è solo identificando l’origine della tua tristezza che è possibile superare il dolore e il progresso sulla via della realizzazione personale.

Ad esempio, alcune persone devono rivisitare il proprio passato per sbarazzarsi di ricordi dolorosi che sono diventati troppo pesanti da indossare.

L’importante è dare al dolore l’importanza che merita e fare spazio alla tristezza per esprimersi liberamente

Tristezza – Un’emozione che ti vuole e fa bene

 

Se il tuo primo istinto è spesso combattere la tristezza, devi sapere che questa emozione è lungi dall’essere negativa.

È lei, infatti, che ti informa sulla natura dei tuoi bisogni emotivi.

Quando uno dei tuoi amici si è appena allontanato di migliaia di miglia da casa tua, la tristezza è lì per dirti che ti manca la sua presenza, che il suo sostegno e la sua benevolenza contribuiscono al tuo equilibrio.

In altre parole, la tristezza è un’emozione che ti vuole bene e ti fa bene. Spingendoti ad agire, ti protegge a modo suo. È una luce rossa che si illumina sul tuo cruscotto interno, informandoti che devi cercare conforto da nuove persone o in un’attività gratificante.

Tuttavia, è solo accogliendo la tua tristezza e sentendola pienamente che puoi trarne beneficio.

In effetti, non appena smetti di fuggire, quando accetti il suo dolore per quello che è, diventa una grande fonte di trasformazione personale.

Invitandoti a prenderti cura di te stesso, la tristezza rende possibile, in un modo un po ‘paradossale, vivere meglio.

 

Tristezza – Il lato positivo

 

Se le emozioni donano colore alla tua vita, quali sono i benefici della tristezza?

Recuperare dopo una perdita o un insuccesso

Quando provi un sentimento di tristezza ti ritiri momentaneamente in te stesso e rifuggi dall’azione. Questa chiusura momentanea è valoriale perché ti permette di effettuare un lavoro di cicatrizzazione psicologica e di contemplazione/meditazione salutare soprattutto in termini di accettazione di ciò che non può essere cambiato

Evidenziare le situazioni dolorose

Identificare ciò che ti ha fatto soffrire porta a comprendere meglio i tuoi bisogni profondi e conoscere le tue attese. Da qui puoi iniziare un nuovo lavoro di ridefinizione di obiettivi personali e relazionali e l’adozione di comportamenti più sani e funzionali al tuo e altrui benessere

Ottenere il sostegno e la consolazione altrui

E’ nei momenti più bui della tua vita che puoi identificare le persone cui poterti affidare

Disarmare l’aggressività dell’altro

L’aggressività genera una escalation di aggressività. Di fronte alla sofferenza e al malessere altrui si generano dei comportamenti maggiormente altruisti e compassionevoli

Comprendere meglio i sentimenti di pena e tristezza di chi ci è vicino

Che si traduce in una maggiore capacità di provare empatia verso la sofferenza altrui

Generare la creatività

Il ritiro introspettivo stimola a rivolgere lo sguardo verso il mondo interiore e se viene accolto e non negato si traduce  in una fertile produzione artistica che dà sbocco alla sofferenza trasformandola in creatività

 

Seguimi anche su Facebook e su Instagram! Ti aspetto ?