Smartworking: come lavorare da casa

 

Lavorare da casa – Come vivere smart e contenti

 

 

Lavorare da casa è una realtà imposta alla maggior parte dei lavoratori in Italia e nel mondo per arginare i rischi da Covid-19.

Dopo un iniziale entusiasmo lavorare da casa non è una passeggiata e dobbiamo cercare di farlo al meglio ottimizzando i benefici e riducendo i contro.

Anche Lavorare da casa può essere un’opportunità a patto che seguiamo degli utili accorgimenti per sopravvivere al lavoro da casa e agli altri  mesi di confinamento che purtroppo ancora ci aspettano.

 

Lavorare da casa – Un esempio virtuoso arriva da Google

 

Lavorare da casa non è una passeggiata. Bisogna essere in grado di equilibrare le esigenze professionali con quelle private.

A Google hanno inventato il manager della resilienza che insegna a vivere smart e contenti, in poche parole a essere resilienti, ovvero ad adattarsi velocemente ai cambiamenti mantenendosi in salute (fisica e mentale).

La salute fisica e mentale dei lavoratori ha ripercussioni sulla salute dell’azienda

Come si può agire sul contesto e promuovere un clima “resiliente”?

Google, ancora prima della crisi pandemica, ci ha pensato e ha creato un team di persone guidate da Lauren Whitt, head global resilience, dal 2014 a capo del wellness benefits program, un protocollo creato appositamente per i googlers (in gergo chi lavora in Google) e le loro famiglie.

Ho letto un interessante articolo sulla rivista Elle dove Lauren Whitt, intervistata in video, racconta alla giornalista, le strategie adottate da Google per il benessere dei lavoratori durante l’emergenza sanitaria.

Dall’inizio dell’emergenza, hanno strutturato il tema Rest and Recovery, ossia riposo e recupero che invita ad esempio a prendersi delle piccole pause durante la giornata.

Molto interessante a mio avviso il tema dell’esempio che deve partire dal vertice.

Hanno invitato i capi a dare l’esempio mostrando ai team come prendersi cura di se stessi e vivere in modo più sano e consapevole. In aggiunta i manager in Google monitorano il livello di stress dei lavoratori attraverso un protocollo di domande e linee guida.

Un altro strumento molto utile è il servizio di texting, per offrire supporto in caso di bisogno quando non si è soli in casa, ma si avverta l’esigenza di ricevere aiuto senza essere ascoltati dai familiari.

Il messaggio è uno:

Non siamo soli, stiamo tutti attraversando un mare in tempesta … siamo distanti fisicamente, ma non socialmente

 

Lavorare da casa – La parola d’ordine  per le aziende è motivare

 

Come motivare i lavoratori per prevenire burnout, demotivazione e assenteismo?

Bastano poche regole essenziali per prevenire la perdita di fiducia professionale e promuovere benessere.

Lavorare da casa – 6 regole per promuovere benessere, motivazione e resilienza

  1. Dotare tutto il team di strumenti tecnologici Per essere connessi e comunicare agevolmente con capo, colleghi e collaboratori
  2. Organizzare un’agenda di impegni quotidiani Riunioni “brevi” per scambiarsi idee e colloqui one to one per ascoltare le esigenze di ciascuno
  3. Fornire un servizio di ascolto psicologico virtuale Per offrire supporto al benessere e coltivare resilienza. Dal 2019 ho attivato il servizio Listening is a gift, spazio di ascolto psicologico, creato insieme a una collega Francesca Erbi,  rivolto alle aziende che hanno a cuore la salute mentale e fisica del loro capitale più importante: le persone
  4. Dare obiettivi di crescita alle persone Nuovi incarichi e mansioni, maggiori responsabilità per uscire dalla comfort zone e trovare energia e direzione
  5. Chiedere continui feedback Per sapere come stanno le persone a casa
  6. Creare occasioni di incontro Virtuali ed extra lavoro per coltivare la socialità che è venuta a mancare

Scegli Listening is a gift!

 

Per maggiori informazioni sul progetto Listening is a gift scrivimi compilando il modulo CONTATTAMI

 

13 Consigli pratici per vivere smart e contenti

 

Se lavorare da casa è diventato fonte di tensione, stress, demotivazione puoi creare una routine quotidiana virtuosa.

Azioni semplici, ma a costo zero ed estremamente efficaci.

13 Consigli pratici per vivere smart e contenti

Prima di cominciare la giornata

  • Appena sveglio bevi un bicchiere d’acqua  Antica tradizione giapponese,  ottimo modo di iniziare la giornata perché si interrompe il digiuno notturno e in questo modo l’organismo si idrata e attiva il metabolismo
  • Cura il tuo aspetto Vietato stare in pigiama!!! Può sembrare logico, ma è comunque essenziale. Per distinguere tra vita privata e professionale, non cambiare le tue abitudini mattutine. Lavati, fai colazione e vestiti in modo appropriato. Lavorare in pigiama e pantofole non ti manterrà abbastanza concentrato, devi essere pronto per la videoconferenza in qualsiasi momento
  • Crea uno spazio di lavoro Per essere produttivo, il tuo cervello ha bisogno di sapere come distinguere tra lavoro e tempo libero. Il tuo spazio di lavoro non deve essere percepito come restrittivo, brutto, deprimente.  Fatti venire voglia di stabilirti lì! Lavorare sdraiato sullo stesso divano dove ti rilassi guardando i tuoi programmi preferiti o sul letto dove dormi, di certo non ti farà venire voglia di essere più produttivo! Prenditi il ​​tempo per creare uno spazio che segua le regole ergonomiche di base:
    – la parte superiore del computer dovrebbe essere all’altezza degli occhi
    – la tastiera deve essere posizionata in modo che gli avambracci siano paralleli al suolo
    – ottieni più luce possibile con la luce naturale
  • Scegli un luogo luminoso nel tuo appartamento La luce del giorno, almeno un’illuminazione artificiale sufficiente, aiuta a ridurre la sensazione di affaticamento. I tuoi occhi non devono sforzarsi!
  • Prima di accedere il computer fai una passeggiata Basta una breve camminata intorno all’isolato per riprodurre la sensazione di andare in ufficio e fare movimento
  • Sii intransigente sin dall’inizio con i tuoi cari  Il lavoro è lavoro! I tuoi cari dovrebbero essere consapevoli che lavorare da casa non significa vacanza. Proprio come faresti in ufficio, non esitare a chiudere la porta a qualsiasi proposta extra-professionale nel tuo orario di lavoro. Che tu ci creda o no, il modo migliore per essere produttivi è lavorare!
  • Elimina tutte le fonti di distrazione Mantieni le distanze da qualsiasi distrazione. TV, lavatrici, frigorifero … allestisci lo spazio di lavoro di casa lontano dalle tue attività quotidiane, per rimanere concentrato

Durante la giornata

  • Prenditi una pausa di 5 minuti Tra una riunione  e l’altra per parlare con i familiari, prenderti cura degli animali, delle piante o per fare un piccolo esercizio fisico…prima di riconnetterti. È dimostrato: le pause regolari sono un fattore di produttività da non trascurare. Proprio come in ufficio, non dovresti esitare a prendere una pausa ogni tanto.  Le possibilità sono tante … Sta a te essere creativo! 😉
  • Pianifica una vacanza Anche se è un momento difficile per viaggiare, visualizzare una meta futura è un ottimo anti-depressivo
  • Fai movimento  La mia routine quotidiana, lato fitness,  è una camminata ogni giorno di 10.000 passi 🙂
  • Mantieni il dialogo con i colleghi Non esitare ad abusare degli strumenti tecnologici a tua disposizione: Skype, messaggistica istantanea o altri. Assicurati di parlare abbastanza con i tuoi colleghi, anche se hanno progetti diversi! Quando si lavora da casa, l’interazione umana è essenziale per la creatività. Il rischio nel lavorare da casa? La solitudine. Per non separarti dal mondo esterno, esci di casa regolarmente. Tornare di tanto in tanto in ufficio,  lavorare in uno spazio di coworking o a casa di un amico, per esempio può rivelarsi una buona alternativa
  • Installa un grande orologio da parete  Lavorare da casa può portare rapidamente a un eccesso di lavoro. Assicurati di mantenere un orario di lavoro decente e tieni d’occhio il tempo!
  • Fissa degli orari e ricordati che hai una vita oltre il lavoro! Quando la tua giornata lavorativa è finita, è finita: spegni il computer, prendi una boccata d’aria fresca, chiama un amico … Ancora una volta, è fondamentale distinguere tra vita privata e professionale! Impara a mettere la parola FINE !